Spedizione Gratis!
 
 
 
Kiwido Media|Video
Roma, Kiwido, 01/09/2006
Dal 2006: grafiche, produzione e post-produzione audio-video, montaggi, remix e restauri, videografiche, compositing, sottotitolazioni, authoring di dvd per enti, societÓ di comunicazione, broadcasting, produzioni e distribuzioni cine-televisive.
   

>
 

 

Download
 

 

CinemAfrica

PIANI MIGRANTI: IL MONDO IN MAREMMA

30/07/2013

E’ visionabile su You Tube (http://youtu.be/q7hTXoV7yJk), e su Facebook (https://www.facebook.com/PianiMigranti/) il trailer del cortometraggio documentario di Federico Carra, Piani migranti (34’, 2013).
All’inizio della primavera del 2013 il circolo Arci Macramè di Scansano, in Maremma, organizza un pranzo in un casale di campagna con alcuni immigrati residenti nella zona. E’ l’occasione per raccogliere testimonianze sulle loro aspettative, i loro percorsi, le loro esistenze, le difficoltà, l’evolversi dei loro piani... migranti.
Attraverso i racconti degli immigrati di Scansano, scopriamo le aspirazioni, le difficoltà, l’impatto con il "primo mondo" nel momento della sua massima crisi. L’abbandono del proprio paese alla volta dell’Italia alla ricerca di un lavoro, di una vita migliore, spesso con la speranza, ad oggi irrealizzabile, di un ritorno con più mezzi economici in un paese di origine nel frattempo sviluppatosi. L’arrivo in un paese in crisi con l’esplodere delle sue
contraddizioni, tra la solidarietà della gente e le complicazioni burocratiche, la mancanza di sostentamento e una speranza difficile a morire. Problematiche di un presente in cui l’inclusione diviene ancor più difficoltosa, con la speranza per tutti, italiani e immigrati, di un futuro migliore.
Dalle esperienze personali si arriva ad una lucida diagnosi di una "malattia" difficile da curare: in tutto il mondo è scomparsa la classe media e solo la classe dirigente ha accaparrato ricchezze, il potere di cambiare non è più nelle mani dei popoli, i popoli sono messi in ginocchio e sono costretti a spostarsi da un paese all’altro: uno schiavismo del terzo millennio.

[Maria Coletti]