Spedizione Gratis!
 
 
 
Kiwido Media|Video
Roma, Kiwido, 01/09/2006
Dal 2006: grafiche, produzione e post-produzione audio-video, montaggi, remix e restauri, videografiche, compositing, sottotitolazioni, authoring di dvd per enti, societÓ di comunicazione, broadcasting, produzioni e distribuzioni cine-televisive.
   

>
 

Roma, 04/06/2015

Mi-Mi di Rachele Palladino: percormance, concerto, vj-set

ore 18:30: GalleriaOtto, Via Cimarra 12

 

Mi-Mi di Rachele Palladino
Mostra personale: inchiostri su carta, ambiente sonoro, installazione
A cura di: Astrid Narguet e Lucilla Stefoni

FINISSAGE: giovedì 4 giugno ore 18.30

Performance sonora di Luca Spagnoletti

Regia vocali Lucilla Stefoni
Voce live Mi-Mi: Cristina Moglia
Recital poesia: Astrid Narguet

VjSet Kiwido-Federico Carra
Interpreti: Katia Flacco, Barbara Mautino, Luca Ibisco
Immagini Mi-Mi: Kathrin Ziegler

Performance di Andrea Cosentino
estratti da Not here not now


Giovedì 4 giugno la GALLERIAOTTO, a conclusione di “Mi-Mi” di Rachele Palladino, invita tutti coloro che non sono ancora riusciti a vedere la mostra, amici, colleghi e chiunque abbia piacere a passare una serata tra arte e musica, a partecipare alla festa/finissage, dalle ore 18.30 in via Cimarra 12 a Roma.
Oltre alla donazione “in diretta” delle MoneyBox, prenotate durante il corso dell’esposizione, sono previsti i seguenti eventi: la Performance sonora di Luca Spagnoletti alle ore 19.00, con voce live Mi-Mi di Cristina Moglia e VjSet Kiwido di Federico Carra, e la Performance di Andrea Cosentino con estratti da Not here not now alle ore 20.00

Comunicato stampa

La GALLERIAOTTO presenta la prima mostra personale di Rachele Palladino, dal titolo Mi-Mi: disegni, rotoli, MoneyBox, registrazioni vocali, un arazzo e una installazione in cemento. L’esposizione, a cura delle titolari Astrid Narguet e Lucilla Stefoni, si inscrive nel nuovo corso intrapreso dalla galleria – specializzata in artisti contemporanei cinesi di cui diffonde il lavoro in Italia ed Europa – interessata oggi ad aprire una più intensa comunicazione tra i due continenti, rappresentando anche artisti italiani, sia da noi che in Asia.

Mi-Mi in cinese significa segreto. Mi-Mi ha un suono giocoso, infantile ed enigmatico, elementare come sono elementari i motivi che si ripetono in ciascun disegno di Rachele Palladino. La mostra presso la GALLERIAOTTO è la prima occasione per rileggere la sua vastissima produzione, della quale sono presenti esempi di tutte le serie finora affrontate, assieme ad alcune sperimentazioni realizzate appositamente per l’evento (registrazioni vocali, tapestry e oggetti in cemento). La particolarità risiede nella volontà di creare un’occasione corale, dove la propria mano (voce, idea) si confonde con quella di amici, colleghi, tutti coloro che hanno aiutato nella realizzazione del progetto. Il pubblico stesso, con le MoneyBox, viene inserito nell’opera, collaborando a chiudere questo circolo dello scambio e del dono, dove il potenziale creativo sboccia dall’apporto di tutti. Il nucleo centrale è composto da oltre venti carte di medie dimensioni, un rotolo di dieci metri per ottanta centimetri e due grossi “quadri” (carta intelata) da due metri per uno e mezzo di lato. Nei più piccoli emergono soprattutto storie, personaggi affaccendati nei crucci, incombenze, scontri quotidiani. Sulle grandi dimensioni scompare qualsiasi riferimento figurativo e si compie quella che l’artista definisce una fusione con la linea: la scrittura, da caotica e “incisa”, diviene calligrafica, accattivante, sinuosa; parole come figure, parole come cocci di realtà da ingentilire. È in questa linea che si anestetizzano i dolori, cercando di essere felice gratis.

Il lavoro di Rachele Palladino ruota attorno alle tensioni dell’esistere contemporaneo, organizzando frammenti di immaginari salvifici. Ricuce gli strappi della società con il gesto ossessivo di un filo, una trama che si ripete in infinite minuscole varianti su centinaia, centinaia di fogli e carte. Non “grandi temi” ma l’esserci al mondo, di cui svela incoerenza e frammentarietà, dove l’unica certezza risiede nell’essere legati in un’unica entità, persone spazio cause effetti. Con solo due, massimo tre penne e pennarelli Rachele Palladino mette in scena l’attitudine tipicamente femminile della cura, progettando armonia per mezzo del segno, dando luogo al tenace sforzo di trasformare ogni esperienza in significato, con forza, grazia e leggerezza.


GALLERIAOTTO
Via Cimarra 12 (00184), Roma
+39 0647824521 galleriaotto@gmail.com